Indicazioni del Vescovo

Click sull'immagine per leggere le indicazioni date dal Vescovo Claudio Cipolla sulle modalità di ritorno dei fedeli alla frequenza delle Sante Messe.

Omelie video

Visualizza l'elenco dei video realizzati finora cliccando qui

A fianco potete trovare l'archivio dei video realizzati in questo periodo. Con la ripresa delle Ss. Messe, i video sono sospesi.

 

Domenica 17 maggio 2020

 

Parola vivente - Le letture delle domenica

 

Dagli Atti degli Apostoli (8,5-8.14-17)

In quei giorni, Filippo, sceso in una città della Samarìa, predicava loro il Cristo. E le folle, unanimi, prestavano attenzione alle parole di Filippo, sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva. Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti. E vi fu grande gioia in quella città. Frattanto gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che la Samarìa aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù. Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.

 

Salmo Responsoriale n. 65(66)

R. Acclamate Dio, voi tutti della terra.

Acclamate Dio, voi tutti della terra, cantate la gloria del suo nome, dategli gloria con la lode. Dite a Dio: «Terribili sono le tue opere! R/.

A te si prostri tutta la terra, a te canti inni, canti al tuo nome». Venite e vedete le opere di Dio, terribile nel suo agire sugli uomini. R/.

Egli cambiò il mare in terraferma; passarono a piedi il fiume: per questo in lui esultiamo di gioia. Con la sua forza domina in eterno. R/.

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio, e narrerò quanto per me ha fatto. Sia benedetto Dio, che non ha respinto la mia preghiera, non mi ha negato la sua misericordia. R/.

 

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo (3,15-18)

Carissimi, adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi.  Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza, perché, nel momento stesso in cui si parla male di voi, rimangano svergognati quelli che malignano sulla vostra buona condotta in Cristo.  Se questa infatti è la volontà di Dio, è meglio soffrire operando il bene che facendo il male, perché anche Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nel corpo, ma reso vivo nello spirito.

 

 

Dal vangelo secondo Giovanni (14,15-21)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi. Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi. Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».

 

Carissimi fratelli e sorelle,
 la Prima lettura (Atti degli Apostoli 8,5-8.14-17) descrive l’atmosfera di entusiasmo che circondava l’opera dei primi missionari del Vangelo: è il segno che il messaggio di Cristo incideva profondamente sulla vita delle persone che lo ascoltavano, rispondeva ai loro bisogni interiori, dava orientamenti reali per l’esistenza di ogni giorno. E’ così anche per noi oggi? In secondo luogo, questo passo ci dice che all’inizio solo gli apostoli erano abilitati a comunicare lo Spirito Santo: su questo passo (e su alcuni altri) si basa il principio della successione apostolica, per cui dopo gli apostoli i ministri dei Sacramenti sono diventati i loro successori, vescovi e preti. Nella seconda lettura (prima lettera di san Pietro 3,15-18) viene affermato un principio fondamentale per la vita del cristiano e per l’efficacia dell’evangelizzazione: “Siate pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi”. Tradotto in parole più semplici: se uno ti chiede perché sei cristiano, perché credi, perché hai speranza nella risurrezione, devi sapergli rispondere con parole sensate. Chiediamoci: se uno ci fa queste domande, cosa rispondiamo? Dire, come si sente spesso, “perché me lo hanno insegnato i miei genitori” oppure “perché ho fatto sempre così” oppure “perché ci credo (senza aggiungere altro)” o “perché sono abituato ad andare a Messa” significa sviare la domanda e lasciare deluso il tuo interlocutore, che in quel momento da te si sarebbe aspettato una testimonianza di fede personale perché da questa fede è in qualche modo attratto. Ricordiamoci che siamo tutti evangelizzatori, e che il primo modo di annunciare il Vangelo è - come ben sottolinea papa Francesco nella Lettera Apostolica "Evangelii Gaudium" - il dialogo personale con la comunicazione delle motivazioni della propria fede da una persona all’altra. Il brano ci mette però in guardia da altri due rischi: uno è l’aggressività di chi comunica la propria fede con prepotenza; l’altro è la tentazione di tirarsi indietro per paura di restare isolati o venire derisi a motivo di ciò in cui crediamo. Per questo l’Apostolo esorta
ad essere sempre dolci e rispettosi degli altri e a non aver paura di fare ciò che è bene, forti della speranza che è ben salda nei nostri cuori.
Il Vangelo (Giovanni 14,15-21) ci dice che ci stiamo avviando verso la conclusione del periodo pasquale: il brano proposto infatti anticipa la Pentecoste, che celebreremo fra due domeniche. Gesù apparendo agli apostoli promette che manderà loro lo Spirito Santo, che viene chiamato “Paràclito”: questa parola greca significa all’incirca “difensore”, e dice che il primo compito dello Spirito Santo è di difenderci in mezzo alle tempeste della vita. Si tratta però di una difesa particolare, perché consiste nel comunicarci la verità dandoci la forza di testimoniarla sempre, anche in mezzo ai pericoli e alle persecuzioni: lo Spirito infatti ci difende facendoci sentire amati sempre, anche quando tutti sembrano abbandonarci. Noi non siamo soli, mai, perché lo Spirito infonde nei nostri cuori il “respiro di Dio” che ci fa sempre sentire al sicuro, protetti e amati; diventiamo consapevoli che solo nell’unione profonda con il Signore possiamo trovare sicurezza e pace, secondo le parole di S. Agostino nelle “Confessioni" (libro I, capitolo1):  “Inquieto è il nostro cuore finché non trova riposo in Te”. Pace e bene a tutti.

Il Parroco don Alberto
 
 
A partire da lunedì 18 maggio si ritorna a celebrare in chiesa la S. Messa con la partecipazione dei fedeli.
Questi gli orari:
Per le Ss. Messe feriali abbiamo scelto una ripresa graduale, con due Ss. Messe al giorno, alle ore 8,00 e 19,00.
Gli orari delle Ss. Messe domenicali subiranno qualche modifica dettata dalla necessità di facilitare l'ingresso e l'uscita evitando eventuali ingorghi. Le regole contenute nel decreto del Vescovo del 12 maggio (che fa proprio il protocollo ministeriale emanato giovedì 7 maggio) prevedono il rispetto del distanziamento di mt. 1,5 fra le persone, che entreranno dalla porta di sinistra (guardando la facciata dall'esterno) e usciranno dall'altra), in una fila ordinata: impensabile quindi celebrare una messa ad ogni ora, per cui gli orari saranno tali da prevedere un tempo congruo fra una messa e l'altra:
ore 8,00 - 9,30 - 11,00 - 12,15 - 17,00 - 19,00.
 
 
Il decreto vescovile prevede anche altre disposizioni circa la partecipazione dei fedeli:
 
Non è consentito entrare in chiesa a quanti manifestano sintomi influenzali/respiratori o temperatura corporea pari o superiore ai 37,5°, né a chi è stato in contatto con persone risultate positive a SARS-CoV-2 nei giorni precedenti: alle porte della Chiesa ci sarà un avviso ben visibile su questa norma, affidandosi al senso di responsabilità degli interessati.
 
I fedeli dovranno indossare obbligatoriamente la mascherina che copra bocca e naso e igienizzarsi le mani ad appositi dispenser all'ingresso; circa le modalità di ingresso e uscita si è già detto nella pagina precedente.
 
In chiesa i posti saranno contrassegnati da segnali ben visibili nei banchi, nel rispetto del distanziamento fisico di almeno un metro: sono tenuti  a rispettarlo anche le persone che abitano insieme, fatta eccezione per i bambini, che possono stare accanto ad uno dei genitori.
 
In tale contesto, i posti disponibili nella nostra basilica saranno 176, più alcuni altri in piedi in fondo alla Basilica, opportunamente distanziati. Le persone in più non potranno entrare, ma potrà essere aperto il portone centrale per permettere a chi non è riuscito ad entrare di seguire - rispettano il distanziamento di 1 metro - la S. Messa dal sagrato, che perciò non potrà servire come parcheggio e dovrà restare chiuso, fatta eccezioni per le macchine che trasportano persone diversamente abili, che avranno anche la precedenza nell'ingresso in chiesa.
 
Per ragioni igienico sanitarie nei banchi non potrà esserci nessun sussidio liturgico (libretti dei canti e foglietti della Messa domenicale). Per le e stesse ragioni, le offerte potranno essere fatte solo in appositi contenitori alle porte della chiesa, le acquasantiere continueranno a rimanere vuote, il segno della pace è eliminato e nel ricevere la comunione bisognerà rispettare un certo ordine.
 
Prima di dare la Comunione -da deporre senza contatto fisico sulla mano dei fedeli - il sacerdote dovrà indossare la mascherina igienizzarsi le mani e indossare guanti monouso.
 
Per la celebrazione dei funerali decade la norma che limitava la partecipa-  zione a sole15 persone; in ogni caso non si potrà per nessun motivo violare le norme di distanziamento né superare il numero di fedeli previsto.
 
Riprendono anche i matrimoni e i battesimi, seguendo sempre le regole circa la distanza sanitaria.
 
I sacramenti del compimento dell'Iniziazione Cristiana (prima Comunione e Cresima) sono rinviati fino a nuova indicazione.
 
Sono vietati i momenti di preghiera comunitari tipo fioretti mariani, Ss. Messe nelle contrade, rosari organizzati etc.
 
Per regolare l'ingresso, agevolare la disposizione dei fedeli nei posti segnalati, vigilare sul raggiungimento del numero massimo di presenze in chiesa e altri servizi stiamo cercando la disponibilità di volontari, per i quali ci sarà una riunione sabato 23 alle ore 16,00 in Basilica. Nello svolgere questo servizio i volontari dovranno indossare oltre alla mascherina anche guanti monouso e un cartellino di riconoscimento.
 
 
 
 

 

 

 

 

 

Al pozzo del cuore di Dio

Intenzioni di preghiera che saranno consegnate alle Suore Elisabettine per la preghiera personale e comunitaria.
Rosario nella chiesa di S. Giuseppe (via Vendramini) il primo sabato del mese ore 9,30.

Archivio letture settimanali

Info parrocchia

Parrocchia S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 1
35137 Padova (PD)
Tel. ufficio parrocchiale: 049/87.60.422
Tel. canonica (parroco): 049/87.52.413
E-mail: carminepd@gmail.com

Info scuola materna

Scuola Materna S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 3
35137 Padova (PD)
Tel. 049/87.56.811
E-mail: carminepd.materna@gmail.com

Parrocchie vicine (zona pastorale)