Orari S. Messe

Domenica e festivi:
8.00 - 9.30 - 11.00 - 12.15 - 19.00

Leggi tutto

 

Giovedì 16 luglio 2020

 

Carissimi fratelli e sorelle,
c'è un passo della prima lettera ai Corinzi (1,10-13.3,5-7) dove san Paolo rimprovera i cristiani di Corinto perché si erano formati dei gruppi che si distinguevano gli uni dagli altri in base alla persona che aveva loro annunciato il Vangelo: "Vi esorto pertanto, fratelli, per il nome del Signore nostro Gesù Cristo, a essere tutti unanimi nel parlare, perché non vi siano divisioni tra voi, ma siate in perfetta unione di pensiero e di sentire. Infatti a vostro riguardo, fratelli, mi è stato segnalato che tra voi vi sono discordie. Mi riferisco al fatto che ciascuno di voi dice: «Io sono di Paolo», «Io invece sono di Apollo», «Io invece di Cefa», «E io di Cristo». È forse diviso il Cristo? Paolo è stato forse crocifisso per voi? O siete stati battezzati nel nome di Paolo?... Ma che cosa è mai Apollo? Che cosa è Paolo? Servitori, attraverso i quali siete venuti alla fede, e ciascuno come il Signore gli ha concesso. Io ho piantato, Apollo ha irrigato, ma era Dio che faceva crescere. Sicché, né chi pianta né chi irriga vale qualcosa, ma solo Dio, che fa crescere". Il fatto è che quei cristiani si erano affezionati a chi aveva loro annunciato il Vangelo, per primo Paolo, poi Apollo, infine Cefa cioè Pietro... dimenticandosi che tutti avevano annunciato la stessa cosa, cioè la persona e il messaggio di Gesù Cristo, figlio di Dio. E' un po' così anche per il cambio del parroco: molti si affezionano e quando un parroco se ne va sono spiacenti se non addolorati; tantissime persone direttamente o per telefono mi hanno fatto sapere quanto loro dispiaccia che io cambi parrocchia, alcune hanno anche pianto... Tutto questo va bene, è in fin dei conti è il riconoscimento che io qui ho fatto del mio meglio, ma poi bisogna ricordarsi di quanto dice san Paolo: ogni parroco è annunciatore del Vangelo servitore della vita cristiana dei fedeli, e ognuno lo fa "come il Signore gli ha concesso", cioè secondo le sue caratteristiche, il suo temperamento e le sue capacità. In 210 anni la parrocchia del Carmine - nata nel 1810 con il trasferimento della sede dalla chiesa di S. Giacomo alla nostra Basilica - ha avuto 9 parroci: don Francesco Alberti (1810-13) già parroco di S. Giacomo da oltre 50 anni, don Angelo Bonomi (1813-1830), mons. Giuseppe Cheberle (1830-1883), mons. Antonio Rampazzo (1883-1906), mons. Ettore Maria Pagnacco (1906-1921), mons. Melchiorre Formaglio (1922-1946), mons. Giovanni Mason (1946-1971), mons. Lino Giacomazzo (1971-2009) e infine il sottoscritto, che sarà sostituito dall'attuale segretario del vescovo don Matteo Naletto: ognuno col suo carattere, ognuno con i suoi doni particolari, tutti al servizio di Gesù Cristo e della sua Chiesa, tutti al servizio della fede di generazioni di cristiani che hanno abitato in questo territorio, tutti impegnati nell'annuncio del Vangelo; ognuno ha interpretato il proprio ruolo con la sua originalità di persona unica e irripetibile, piantando semi di fede e di amore e irrigando i semi che il predecessore aveva a sua volta piantato traendone frutti di vita cristiana autentica per i suoi fedeli. Si potrebbe obiettare che i miei predecessori sono stati in sede più a lungo di me. Mi sono spesso sentito dire: "Ma don Lino è stato qui per quasi 40 anni, perché lei no?". La risposta è molto semplice: il rapido evolversi della società unito ad un numero minore di preti esige un avvicendamento più rapido rispetto ad un tempo, e bisogna ricordare anche che i sacerdoti sono a servizio delle necessità della diocesi: io stesso prima di venire qui ero stato parroco in altre tre parrocchie, e per un tempo molto più breve di quello che ho trascorso qui con voi.
E' naturale provare tristezza per il parroco che se ne va, dovrebbe essere  altrettanto naturale accogliere chi viene "nel nome di Cristo", per fare con voi un nuovo pezzo di strada a servizio dell'unico Signore di tutti, partendo da quanto è stato fatto finora e aggiungendovi col tempo la sua personale visione, come hanno fatto tutti i suoi predecessori, me compreso. Per me sono stati 11 anni carichi di sfide e di soddisfazioni, ora sono chiamato in una altro luogo, al servizio di Cristo e della sua Chiesa. Spero che mi accompagniate con la vostra preghiera e che anche in futuro non vi dimentichiate di pregare per me. Pace e bene a tutti.

Il parroco don Alberto

 

Festa del Carmine - Giovedì 16 luglio 2020
 
 
Preparazione
 
Lunedì 13 martedì 14 e mercoledì 15.
 
Ore 18,30 S. Rosario meditato in Basilica
 
Ore 19,00 S. Messa con predicazione
 
Giovedì 16 luglio
 
A causa dei regolamenti sul distanziamento la Basilica non può ospitare più di 180 fedeli; gli ingressi saranno perciò contingentati e regolati da volontari. Per chi resta fuori sarà possibile assistere in piedi opportunamente distanziati: la porta centrale resterà aperta e vi sarà un altoparlante per l'amplificazione esterna. Le Ss. Messe potranno essere seguite anche dal chiostro (con amplificazione), dove ci saranno delle sedie collocate alla giusta distanza.
Per evitare assembramenti il tavolo con gli oggetti religiosi non ci sarà; resterà però possibile prenotare le Ss. Messe.
 
Al mattino
 
Ss. Messe ore 8,00; 9,30; 11,00; 12,30.
  
 11,45: tradizionale benedizione dell’uva primaticcia che le persone porteranno da casa.
 
Nel pomeriggio
 
Ore 16,00: benedizione e imposizione dello scapolare (gli scapolari verranno consegnati sul momento)
 
Ss. Messe ore 17,00; 18,30.
 
La S. Messa delle ore 18,30 (preceduta dalla recita del S. Rosario) sarà presieduta dal Vicario Generale della diocesi mons. Giuliano Zatti. La processione - a causa delle regole sul distanziamento inapplicabili nel nostro contesto - è sospesa. Al termine della S. Messa la statua della Madonna verrà portata nel sagrato, dove ci sarà la preghiera della Supplica e la benedizione finale
 
La serata in Patronato è sospesa.

 

Canti S.Messa delle ore 11:00

 

Giovane donna

Giovane donna attesa dell’umanità

un desiderio d’amore e pura libertà.

Il Dio lontano è qui vicino a te,

voce e silenzio, annuncio di novità.

 

Rit.: Ave Maria, ave Maria!

Ave Maria, ave Maria!

 

Dio t’ha prescelta

qual Madre piena di bellezza

ed il suo amore ti avvolgerà con la sua ombra Grembo per Dio venuto sulla terra

Tu sarai madre di un uomo nuovo. Rit.

 

Ecco l’ancella che vive della sua parola

libero il cuore, perché l’amore trovi casa.

Ora l’attesa è densa di preghiera

e l’uomo nuovo è qui in mezzo a noi. Rit.

 

Alleluia! E oggi ancora

Alleluia, alleluia! Alleluia, alleluia!

Alleluia, alleluia! Alleluia, alleluia! (2x)

 

Ed oggi ancora, mio Signore,

ascolterò la tua Parola

che mi guida nel cammino della vita.

 

Come Maria

Vogliamo vivere, Signore,

offrendo a Te la nostra vita.

Con questo pane e questo vino

accetta quello che noi siamo.

Vogliamo vivere, Signore,

abbandonati alla tua voce,

staccati dalle cose vane,

fissati nella vita vera.

 

Rit.: Vogliamo vivere, come Maria,

l’irraggiungibile, la Madre amata,

che vince il mondo con l’Amore.

E offrire sempre la tua vita

che viene dal cielo.

 

Accetta dalle nostre mani

come un’offerta a Te gradita

i desideri di ogni cuore,

le ansie della nostra vita.

Vogliamo vivere Signore,

accesi dalle tue parole,

per ricordare ad ogni uomo

la fiamma viva del tuo Amore. Rit.

 

Santo gen rosso

Santo, Santo, Santo

il Signore Dio dell’universo

i cieli e la terra sono pieni della tua gloria

Rit.: Osanna! Osanna!

Osanna nell’alto dei cieli!

Osanna! Osanna!

Osanna nell’alto dei cieli!

Benedetto Colui che viene

nel nome del Signore. Rit.

 

Ave Maria (VP)

Rit. Ave Maria, ave!

Ave Maria, ave!

 

Donna dell’attesa

e Madre di speranza, ora pro nobis,

Donna del sorriso

e Madre del silenzio, ora pro nobis,

Donna di frontiera

e Madre dell’ardore, ora pro nobis,

Donna del riposo

e Madre del sentiero, ora pro nobis. Rit.

 

Donna del deserto

e Madre del respiro, ora pro nobis,

Donna della sera

e Madre del ricordo, ora pro nobis,

Donna del presente

e Madre del ritorno, ora pro nobis,

Donna della terra

e Madre dell’Amore, ora pro nobis. Rit.

 

Salve Regina

Salve Regina, mater misericordiae

Vita, dulcedo et spes nostra salve.

Ad Te clamamus, exsules filii Evae

ad Te suspiramus, gementes et flentes

in hac lacrimarum valle.

Eia ergo, Advocata nostra

illos tuos misericordes oculos

ad nos converte.

Et Iesum, benedictum fructum ventris tui

nobis post hoc exilium ostende.

Oh clemens, oh pia

oh dulcis, Virgo Maria.

 

 

Canti S.Messa delle ore 18:30

 

Vergin Santa

Vergin Santa, Dio t’ha scelta

con un palpito d’amor

per dare a noi il tuo Gesù

piena di grazia noi t’acclamiam.

 

Rit. Ave, ave, ave Maria!

 

Per la fede ed il tuo amor,

oh, ancella del Signor,

portasti al mondo il Redentor,

piena di grazia noi ti lodiam. Rit.

 

Tu conforti la nostra vita

sei speranza nei dolor

perché di gioia ci colmi il cuor

piena di grazia noi t’acclamiam. Rit.

 

Gloria eterna al Padre cantiamo,

al suo Figlio Redentor,

al Santo Spirito vivo nei cuor

ora e sempre nei secoli. Amen. Rit.

 

Gloria

Gloria, gloria, in excelsis Deo

Gloria, gloria, in excelsis Deo!

 

Alleluia! Canto per Cristo

Rit. Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia, alleluia

Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia, alleluia

 

Canto per Cristo, che mi libererà

quando verrà nella gloria

quando la vita con Lui rinascerà,

alleluia, alleluia. Rit.

 

Canto per Cristo, in Lui rifiorirà

ogni speranza perduta:

ogni creatura con Lui risorgerà,

alleluia, alleluia. Rit.

 

Canto per Cristo un giorno tornerà

festa per tutti gli amici,

festa di un mondo che più non morirà,

alleluia, alleluia. Rit.

 

Giovane donna

Giovane donna attesa dell’umanità

un desiderio d’amore e pura libertà.

Il Dio lontano è qui vicino a te,

voce e silenzio, annuncio di novità.

 

Rit.: Ave Maria, ave Maria!

Ave Maria, ave Maria!

 

Dio t’ha prescelta

qual Madre piena di bellezza

ed il suo amore ti avvolgerà con la sua ombra Grembo per Dio venuto sulla terra

Tu sarai madre di un uomo nuovo. Rit.

 

Ecco l’ancella che vive della sua parola

libero il cuore, perché l’amore trovi casa.

Ora l’attesa è densa di preghiera

e l’uomo nuovo è qui in mezzo a noi. Rit.

 

Santo Bonfitto

Santo, Santo, Santo il Signore

Dio dell’universo

i cieli e la terra sono pieni della tua gloria

Osanna, Osanna, osanna nell’alto dei cieli!

Osanna, Osanna, osanna nell’alto dei cieli!

 

Benedetto Colui che viene

nel nome del Signore

Osanna, Osanna, osanna nell’alto dei cieli!

Osanna, Osanna, osanna nell’alto dei cieli!

È l’ora che pia

È l’ora che pia la squilla fedel

le note ci invia dell’Ave del ciel.

 

Rit. Ave, ave, ave Maria!

Ave, ave, ave Maria!

 

Umil Bernardetta del messo divin

per mano s’affretta al fiume vicin. Rit.

 

Un soffio di vento l’avviso ne dà

che questo il momento di grazia sarà. Rit.

 

Nel piano di Dio l’eletta sei Tu

che porti nel mondo il Figlio Gesù. Rit.

 

A Te, Immacolata, la lode, l’amor,

Tu doni alla Chiesa il suo Salvator. Rit.

 

Di tutti i malati solleva il dolor,

consola chi soffre nel corpo e nel cuor. Rit.

 

Proteggi il cammino di un popol fedel,

ottieni ai tuoi figli di giungere al ciel. Rit.

 

Immacolata

Immacolata Vergine bella

di nostra vita Tu sei la stella.

Fra le tempeste, deh! Guida il cuore

di chi t’invoca, Madre d’amore.

 

Rit. Siam peccatori, ma figli tuoi,

Immacolata, prega per noi. (2x)

 

Tu che nel cielo siedi Regina

a noi pietosa lo sguardo inchina. Rit.

 

Pel divino Figlio che stringi al petto

deh! Non privarci del tuo affetto. Rit.

 

S.Maria del Cammino

Mentre trascorre la vita

solo tu non sei mai

Santa Maria del cammino

sempre sarà con te.

 

Rit. Vieni, o Madre, in mezzo a noi

vieni Maria quaggiù

Cammineremo insieme a Te

verso la libertà.

 

Quando qualcuno ti dice:
“Nulla mai cambierà!”,

lotta per un mondo nuovo,

lotta per la verità! Rit.

 

Lungo la strada la gente

chiusa in se stessa va

Offri per primo la mano

a chi è vicino a te. Rit.

 

Quando ti senti ormai stanco

e sembra inutile andar,

tu vai tracciando un cammino:

un altro ti seguirà. Rit.

 

Salve Regina

Salve Regina, mater misericordiae

Vita, dulcedo et spes nostra salve.

Ad Te clamamus, exsules filii Evae

ad Te suspiramus, gementes et flentes

in hac lacrimarum valle.

Eia ergo, Advocata nostra

illos tuos misericordes oculos

ad nos converte.

Et Iesum, benedictum fructum ventris tui

nobis post hoc exilium ostende.

Oh clemens, oh pia

oh dulcis, Virgo Maria.

 

Vergin Santa

Vergin Santa, Dio t’ha scelta

con un palpito d’amor

per dare a noi il tuo Gesù

piena di grazia noi t’acclamiam.

 

Rit. Ave, ave, ave Maria!

 

Per la fede ed il tuo amor,

oh, ancella del Signor,

portasti al mondo il Redentor,

piena di grazia noi ti lodiam. Rit.

 

Tu conforti la nostra vita

sei speranza nei dolor

perché di gioia ci colmi il cuor

piena di grazia noi t’acclamiam. Rit.

 

Gloria eterna al Padre cantiamo,

al suo Figlio Redentor,

al Santo Spirito vivo nei cuor

ora e sempre nei secoli. Amen. Rit.

 

Al pozzo del cuore di Dio

Intenzioni di preghiera che saranno consegnate alle Suore Elisabettine per la preghiera personale e comunitaria.
Rosario nella chiesa di S. Giuseppe (via Vendramini) il primo sabato del mese ore 9,30.

Archivio letture settimanali

Info parrocchia

Parrocchia S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 1
35137 Padova (PD)
Tel. ufficio parrocchiale: 049/87.60.422
E-mail: carminepd@gmail.com

Info scuola materna

Scuola Materna S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 3
35137 Padova (PD)
Tel. 049/87.56.811
E-mail: carminepd.materna@gmail.com

Parrocchie vicine (zona pastorale)