Orari S. Messe

Domenica e festivi:
8.00 - 9.00 - 10.00 - 11.00 - 12.00 - 17.00 - 19.00

Leggi tutto

 

Bollettino parrocchiale

Domenica 1 dicembre 2019

 

Parola vivente - Le letture della domenica
 
 
Carissimi fratelli e sorelle,
 l'Avvento è una promessa, parola che deriva dal latino promitto che significa mando (mitto) avanti (pro); promettere vuol sempre dire posticipare, cioè mandare avanti nel futuro qualcosa che potrebbe essere realizzata anche nel presente. Al ragazzo che chiede il motorino i genitori rispondono di no, "ma se resterai promosso con bei voti ti promettiamo che te lo comperiamo"; all'impiegato che chiede un aumento di stipendio il direttore dice che adesso è impossibile "ma le prometto che l'anno prossimo avrà il suo aumento"; alla mamma il figlio che l'ha fatta grossa chiede scusa, "e ti prometto che non lo farò più". Poi si sa che il mondo e la storia sono pieni di promesse non mantenute (a cominciare da quelle elettorali), e non sempre per cattiva volontà: il futuro non è nelle nostre mani, ci possono essere imprevisti, problemi, difficoltà (oltre che tanta cattiva volontà) che impediscono il realizzarsi della promessa. Di conseguenza, quando ricevi una promessa devi fidarti che venga esaudita, e la tua fiducia sarà tanto più grande quanto più degno di fiducia è chi te l'ha fatta.
L'Avvento è promessa in molti sensi. Anzitutto è promessa del Natale, della nascita di Gesù che ogni anno si ripete il 25 dicembre. "E che razza di promessa è? E' invece una certezza, perché ogni anno il 25 dicembre è Natale". Vero, però hai mai pensato che il prossimo 25 dicembre tu non potresti esserci più? Sì, perché noi diamo tutto per scontato, ma non è così: io che sto scrivendo queste cose, la settimana prossima (o domani...) potrei avere un infarto o un incidente o qualcos'altro, e per me questo Natale diventerebbe una promessa mancata, come tutti gli altri dopo di questo. E' quello che vuol dirci Gesù nel Vangelo (Matteo 24,37-44) descrivendo nella prima parte la fine del mondo (prendendo come esempio il diluvio universale) e nella seconda (quella del padrone e del ladro che lo deruba quando meno se l'aspetta) la nostra fine personale: in tutti e due i casi la fine coincide con un nuovo inizio, dove "alcuni verranno presi, altri lasciati".
E' questa la seconda dimensione dell'Avvento: se credo alla promessa - e la promessa è la più grande che si possa immaginare, la vita con Dio in eterno - allora veglio, cioè mi preparo. San Paolo nella seconda lettura (Romani 13,11-14a) ci dice in che modo dobbiamo prepararci: spesso viviamo come addormentati, e chi dorme sogna, e come ben sappiamo i sogni sono quasi sempre un misto di realtà e di illusione. Così è la vita quotidiana che ci distoglie da ciò che veramente conta perché abbiamo tante cose da fare, tanti problemi e necessità da cui cerchiamo di trovare scampo nel divertimento che guarda caso significa fuga (di-vertere, allontanarsi da) ed è qualcosa di illusorio (anche se necessario perché la vita ha bisogno di momenti di fuga dall'ordinario) perché poi ripiombi nella tua solita esistenza monotona o insoddisfacente o difficile. Svegliarsi da sonno non significa fuggire, ma trovare la luce del giorno che ti permette di vedere le cose così come sono, di dare a ogni cosa il suo giusto valore, per la fatica come per il divertimento, per quel problema che ti sta assillando come per le piccole gioie che la vita ti dà. E la luce è proprio la Vita, quella con la V maiuscola che il Vangelo di Gesù ti offre in abbondanza illuminando il tuo cammino quotidiano. Vegliare non significa stare svegli, ma prepararsi a quell'incontro che tu non sai quando avverrà, quell'incontro che ti è stato promesso - mandato avanti nel futuro - da Chi è degno di fiducia, la cui Parola ti attira come un faro di luce potente.
C'è infine una terza dimensione dell'Avvento; ce ne parla la prima lettura (Isaia 2,1-5) con la suggestiva immagine di Gerusalemme centro del mondo: la promessa che l'incontro finale con Gesù risorto segnerà l'inizio di un'era di pace e amore totali, dove la parola contro non ci sarà più, ma tutti vivranno gli uni per gli altri perché Dio sarà tutto in tutti. Io a questa promessa ci credo. E voi? Pace e bene a tutti.
 
Il parroco don Alberto

 

Avvisi Parrocchiali
Al pozzo del cuore di Dio: intenzioni raccolte in chiesa, consegnate alle Suore Elisabettine per la preghiera personale e comunitaria; Rosario chiesa di S. Giuseppe (via Vendramini) I sabato del mese ore 9,30.
 
Pulizie della Basilica: primo mercoledì del mese, ore 8,30.
 
Catechesi dei ragazzi dalla prima alla quinta elementare: ogni mercoledì dalle 16,45 alle 17,45 in patronato.
 
Gruppo medie "tempo della fraternità: ogni due domeniche, dalla S. Messa delle 11,00 alle ore 13,00 o 15,00. Prossimo incontro oggi: domenica prossima con pranzo.
 
Catechesi degli adulti: ogni lunedì alle ore 16,00 nella Sala del Capitolo . Il tema dell'anno è l'approfondimento del significato del nostro battesimo.
 
Gruppo Adulti di Azione Cattolica, aperto a tutti: martedì ore 17,30 nella Sala Parrocchiale: confronto sulle letture della domenica seguente.
 
Gruppo terza età "Lavoro e sorriso": ogni giovedì dalle ore 16,00 alle 18,00 nella Sala Parrocchiale.
 
Incontri per gli adolescenti: domenica ore 18,00 nella Sala Parrocchiale.
 
Oggi alle ore 10,00 si tiene il primo incontro per i genitori (con gli accompagnatori degli adulti) e i ragazzi (con le catechiste) di IV elementare, che si concluderà con la S. Messa delle 11,00.
 
Oggi si tiene la raccolta di generi alimentari per le borse della spesa. Un grande grazie a chi vorrà contribuire, ai volontari caritas e ai ragazzi delle superiori che le compongono
 
Lunedì 2 dicembre ore 9,30 in Basilica incontro mariano di preghiera aperto a tutti, guidato da don Candido.
 
Mercoledì prossimo 5 dicembre alle ore 8,30 ci saranno le pulizie della Basilica. Chi ha tempo e buona volontà è il benvenuto.
 
Domenica 8 dicembre è la solennità dell'Immacolata Concezione della B.V. Maria. Alla S. Messa delle 11,00 ci sarà la benedizione delle tessere dell'Azione Cattolica. Alle ore 18,00 ci sarà la celebrazione dei vespri in Basilica, che si concluderà con la Benedizione Eucaristica.
 
In pomeriggio nella Sala Parrocchiale alle ore 16,00 si terrà la tradizionale Festa del Patronato par le famiglie. Con i bambini faremo l'albero e il presepio, gli animatori proporranno qualche gioco. Al termine condivideremo ciò che ognuno avrà portato e ci sarà la cioccolata per tutti.
 
Nella circostanza della scomparsa delle sigg. Casta Dieni ved. Benazzato e Noemi Pietropoli in Gregorio ci uniamo al dolore dei familiari e di quanti le hanno conosciute.
 
Da venerdì 6 a domenica 8 dicembre nella Sala del Capitolo il gruppo "Lavoro e sorriso" organizza il tradizionale mercatino di Natale, un appuntamento atteso da molti che permette da animare in modo singolare la vita della comunità. Questi gli orari: venerdì 6 ore 16,30-20,00. Sabato 7 ore 9,00-13,00; 16,30-20,00. Domenica 8: ore 9,00-13,00; 16,30-20,00.
 
Celebrazione dei Vespro domenicale nel periodo di Avvento e Natale
Nelle domeniche e nelle solennità del periodo di Avvento e di Natale, a cominciare da domenica prossima 1 dicembre si tengono i vespri (con benedizione eucaristica) accompagnati da una breve meditazione del parroco, che quest'anno presenterà l'Esortazione Apostolica di papa Francesco "Christus vivit" ai giovani e a tutto il popolo di Dio, un capitolo per volta. Nelle domeniche 1, 15, 22, 29 dicembre e 5 gennaio i vespri si terranno alle ore 16,00 nel coro della Basilica, con accesso dalle due apertura ai fianchi dell'altare maggiore. Nelle solennità dell'Immacolata (8 dicembre), di Natale, di Capodanno e dell'Epifania i vespri si terranno in Basilica alle ore 18,00.
 
I segni dell'Avvento: davanti all'altare c'è la corona d'Avvento: quattro candele che vengono progressivamente accese alla domenica come segno dell'avvicinamento al Natale. I paramenti viola, segno del lutto e quindi della mancanza, per dire che Gesù ci manca e che desideriamo tanto che venga ad abitare nella casa della nostra vita per stare sempre con Lui.

 

 

 

 

Al pozzo del cuore di Dio

Intenzioni di preghiera che saranno consegnate alle Suore Elisabettine per la preghiera personale e comunitaria.
Rosario nella chiesa di S. Giuseppe (via Vendramini) il primo sabato del mese ore 9,30.

Archivio letture settimanali

Info parrocchia

Parrocchia S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 1
35137 Padova (PD)
Tel. ufficio parrocchiale: 049/87.60.422
Tel. canonica (parroco): 049/87.52.413
E-mail: carminepd@gmail.com

Info scuola materna

Scuola Materna S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 3
35137 Padova (PD)
Tel. 049/87.56.811
E-mail: carminepd.materna@gmail.com

Parrocchie vicine (zona pastorale)