Orari S. Messe

Domenica e festivi:
8.00 - 9.00 - 10.00 - 11.00 - 12.00 - 17.00 - 19.00

Leggi tutto

 

Bollettino parrocchiale

Domenica 10 novembre 2019

 

Parola vivente - Le letture della domenica
 
 
Carissimi fratelli e sorelle,
 la seconda lettura di oggi (2Tessalonicesi 2,16-3,5) dice che Gesù ci ha dato "una consolazione eterna e una buona speranza". Cosa vuol dire consolazione? Cito le parole del mio vocabolario, che non potrebbero essere più appropriate: "Consolare significa sollevare qualcuno da uno stato di afflizione, alleviando con le proprie parole il suo dolore". Pensiamoci bene: che cosa ci affligge di più? Di che cosa abbiamo più paura? Mi sembra chiaro: di quell'ultimo istante della nostra vita di cui ci sfugge completamente il controllo, quell'ultimo istante che ci getta nelle tenebre del mistero più fitto; quest'ultimo istante si chiama morte. Gesù ci ha dato una consolazione eterna, cioè si è rivolto a noi con la "parola" della sua morte e risurrezione liberandoci dalla paura per dirci che quell'ultimo istante  della nostra vita coincide con il primo di una vita che è ancora nostra, ma che si inserisce nella vita stessa di Dio, infinita ed eterna. E' questa la nostra speranza, e sperare significa andare avanti con fiducia, tenendo fissi gli occhi su quella luce che - anche quando l'esistenza si fa dura, anche quando tutto sembra finire - ci guida nel cammino della vita illuminando di vita perfino le tenebre della morte. In una parola: in Cristo risorto tutti siamo destinati alla risurrezione e alla vita eterna. La prima lettura (1Maccabei 7,1-2.9-14) è la testimonianza che questa fede nella risurrezione era già presente nel popolo ebraico. Il brano è una storia di martirio, cioè di testimonianza fino alla morte, dove sette fratelli - durante l'occupazione siriaca della Giudea nella prima metà del II secolo a.C. - scelgono di morire piuttosto che rinunciare alla propria fede, e lo fanno a motivo della speranza nella risurrezione: "Tu, o scellerato, ci elimini dalla vita presente, ma il re dell'universo, dopo che saremo morti per le sue leggi, ci risusciterà a vita nuova ed eterna". Eppure ai tempi di Gesù c'era ancora qualcuno che non ci credeva: il movimento religioso dei sadducei, che nel vangelo (Luca 20, 27-38) attaccano Gesù proprio su questo
punto, con la storiella di quella donna sposatasi senza avere figli con sette fratelli, tutti morti prima di lei. Per capire bene bisogna tener conto di quella norma della legislazione ebraica secondo cui se una donna diventava vedova senza avere partorito, uno dei fratelli del marito defunto doveva prenderla in moglie. E se era già sposto? Niente paura, perché anticamente nel popolo ebraico un uomo poteva avere più mogli, anche se al tempo di Gesù l'usanza era ormai tramontata. La conclusione è ovvia: se c'è la risurrezione, di chi sarà moglie questa donna dopo la morte? Per dire che la risurrezione è impossibile, è assurdo dolo pensarci. Ma Gesù la mette sotto un altro piano: la vita dopo la morte è vita, certo, ma una vita che ti proietta in una dimensione totalmente diversa, quella dell'eternità dove lo spazio e il tempo spariscono per cedere il posto ad una Realtà che saremo in grado di capire solo quando ci immergeremo in essa. Pace e bene a tutti.
Il parroco don Alberto
 
Ss. Messe
Parrocchia del Carmine
Domenica e feste: ore 8,00 - 9,00 - 10,00 - 11,00 - 12,00 - 17,00 - 19,00.
Durante la settimana (lunedì – venerdì): 7,00 - 8,00 - 17,00 - 19,00.
Sabato: 7,00 - 8,00 - 19,00 (prefestiva).
Ogni giorno recita del S. Rosario ore 18,30.
Santuario S. Giuseppe - Missionari Comboniani
Nella settimana: martedì e mercoledì ore 18,00; giovedì ore 18,30 (cappella dei missionari); venerdì e sabato ore 18,00.
Domenica e feste: ore 10,30.
Chiesa S. Giuseppe - Suore Elisabettine
Nella settimana ore 6,45. Domenica ore 7,00.
 
Avvisi Parrocchiali
“Al pozzo del cuore di Dio”: intenzioni raccolte in chiesa, consegnate alle Suore Elisabettine per la preghiera personale e comunitaria; Rosario chiesa di S. Giuseppe (via Vendramini) I sabato del mese ore 9,30.
 
Pulizie della Basilica: primo mercoledì del mese (6 novembre), ore 8,30.
 
Catechesi dei ragazzi dalla prima alla quinta elementare: ogni mercoledì dalle 16,45 alle 17,45 in patronato.
 
Gruppo medie "tempo della fraternità: ogni due domeniche, dalla S. Messa delle 11,00 alle ore 13,00 o 15,00. Prossimo incontro oggi con pranzo insieme.
 
Catechesi degli adulti: ogni lunedì alle ore 16,00 nella Sala del Capitolo . Il tema dell'anno è l'approfondimento del significato del nostro battesimo.
 
Gruppo Adulti di Azione Cattolica, aperto a tutti: martedì ore 17,30 nella Sala Parrocchiale: confronto sulle letture della domenica seguente.
 
Gruppo terza età "Lavoro e sorriso": ogni giovedì dalle ore 16,00 alle 18,00 nella Sala Parrocchiale.
 
Incontri per gli adolescenti: domenica ore 18,00 nella Sala Parrocchiale.
 
Lo scorso 3 novembre l'assemblea straordinaria dei soci dell'Azione Cattolica parrocchiale ha accolto le dimissioni da presidente del prof. Gianezio Peruzzi: lo ringraziamo per tanti anni dedicati a questo prezioso servizio in cui ha saputo dare il meglio di se stesso. Al suo posto è stata eletta presidente l'avv. Giulia Drioli; vicepresidente sarà l'avv. Adriano Policicchio: a entrambi un grande grazie per avere accettato questa responsabilità, che permette all'A.C. del Carmine di continuare una tradizione di presenza in parrocchia risalente fin dalla fondazione del movimento, nella seconda metà '800. Oltretutto nel vicariato della Cattedrale (parrocchie entro le mura  cinquecentesche) quella del Carmine è l'unica associazione rimasta a livello organizzato, con una presidenza e un tesseramento regolare. L'Azione Cattolica è un'associazione di cristiani laici che sentono la particolare chiamata a mettersi a servizio della pastorale sia a livello locale (parrocchia) che territoriale (diocesi). Ha propri organismi direttivi che agiscono sempre sempre con i pastori della chiesa (parroci e vescovi) mettendosi a disposizione delle varie necessità della comunità cristiana.
 
Oggi alle ore 10,00 si tiene il primo incontro per i genitori (con gli accompagnatori degli adulti) e i ragazzi (con le catechiste) di III elementare, che si concluderà con la S. Messa delle 11,00.
 
Lunedì 11 novembre ricorre il 103° anniversario del bombardamento del "Bastione della Gatta": uno dei pochissimi bombardamenti civili della Prima Guerra Mondiale, dove morirono ben 93 persone  rifugiatesi sotto la "Rotonda" (ex acquedotto). Quest'anno riapre il sacello sotto l'ex acquedotto, dopo il restauro ad opera del Comune avvenuto grazie all'interessamento del "Comitato Mura" che si occupa della gestione ordinaria del monumento e che per l'occasione lo aprirà al pubblico oggi e domani con l'esposizione anche di documenti e foto del disastroso bombardamento e della I guerra mondiale a Padova. Per l'occasione è prevista anche una benedizione del locale rinnovato da parte del parroco del Carmine, oggi alle ore 12,30.
 
Sabato 16 novembre alle ore 20,00 nella Sala Parrocchiale si terrà la tradizionale cena di inizio anno catechistico, cui sono invitati i ragazzi e le loro famiglie condividendo ciò che ognuno avrà portato.
 
Mercoledì 20 novembre alle ore 16,45 in patronato sono attesi i genitori dei bambini di prima elementare per una riunione (in contemporanea con il catechismo dei loro figli) di presentazione del cammino di catechesi dei prossimi anni.
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Al pozzo del cuore di Dio

Intenzioni di preghiera che saranno consegnate alle Suore Elisabettine per la preghiera personale e comunitaria.
Rosario nella chiesa di S. Giuseppe (via Vendramini) il primo sabato del mese ore 9,30.

Archivio letture settimanali

Info parrocchia

Parrocchia S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 1
35137 Padova (PD)
Tel. ufficio parrocchiale: 049/87.60.422
Tel. canonica (parroco): 049/87.52.413
E-mail: carminepd@gmail.com

Info scuola materna

Scuola Materna S. Maria del Carmine
Piazza Petrarca 3
35137 Padova (PD)
Tel. 049/87.56.811
E-mail: carminepd.materna@gmail.com

Parrocchie vicine (zona pastorale)